Senza categoria

TERMINE PRESENTAZIONE DOMANDE: PROROGATO FINO AL 23 GIUGNO

by Qui Padova on 28 maggio 2018

E’ stato prorogato fino a sabato 23 giugno il termine ultimo per la consegna delle domande di partecipazione all’avviso di selezione degli inquilini per il progetto Qui Abito.
Sarà possibile consegnare la propria domanda o reperire informazioni presso lo Sportello Qui Abito, in via del Commissario, 42 a Padova nei giorni:

  • dal lunedì al giovedì dalle 17:00 alle 19:00
  • venerdì dalle 12:00 alle 14:00
  • e i sabati 9 e 23 giugno dalle 10:00 alle 12:00
leggi altro...
Qui PadovaTERMINE PRESENTAZIONE DOMANDE: PROROGATO FINO AL 23 GIUGNO

CERCHI CASA? QUI ABITO SI PRESENTA ALLA CITTA’!

by Qui Padova on 8 maggio 2018

QUI ABITO è un progetto di social housing che propone alloggi in affitto a canone concordato inseriti all’interno di un progetto residenziale e sociale innovativo: vuoi farne parte e saperne di più?

Ti aspettiamo all’incontro di presentazione giovedì 10 maggio 2018 alle 18:00 presso la sala ex Fornace Carotta, in via Siracusa 61, a Padova.

Spiegheremo tutti i dettagli dell’avviso di selezione degli inquilini, i canoni concordati per le varie tipologie di appartamento, i criteri di selezione e il progetto sociale che sta alla base di QUI ABITO. Passaparola!

 

leggi altro...
Qui PadovaCERCHI CASA? QUI ABITO SI PRESENTA ALLA CITTA’!

CONCORSO OLTRE I CONFINI: I VINCITORI

by Qui Padova on 7 giugno 2017

Giovedì 25 maggio si sono tenute le valutazioni dei lavori realizzati dagli alunni delle scuole medie dei Comuni che hanno già svolto la Rassegna Oltre i confini e che hanno partecipato al concorso. La Commissione, formata dai 4 Sindaci dei Comuni aderenti, Nicola Grigion del Servizio Centrale SPRAR e il Presidente della cooperativa Città So.la.re. Maurizio Trabuio, ha analizzato e valutato ben 47 elaborati, tra testi, racconti e disegni presentati dagli alunni che avevano approfondito in classe e tramite la Rassegna il tema delle migrazioni e dell’accoglienza.

L’obiettivo era produrre o un racconto o un disegno sul tema dell’accoglienza delle persone rifugiate cercando di interpretare in maniera personale l’argomento, dare spunti di riflessione o proporre nuovi punti di vista.

I criteri che hanno guidato il giudizio dei lavori sono stati:
1. originalità dell’elaborato
2. tecnica utilizzata
3. pertinenza con il tema
4. approfondimento del tema

Dato il notevole numero di elaborati inviati e la difficoltà nel giudicare allo stesso livello elaborati scritti e disegni, la Commissione ha deciso di assegnare il premio sia alla categoria disegni che alla categoria testi. Sono state inoltre assegnate delle speciali menzioni ai lavori che si sono distinti per alcune particolari caratteristiche.

 

Questi i vincitori:

PRIMO PREMIO EX AEQUO

Emma Coin e Anna Pastò della classe III A dell’Istituto Comprensivo Statale 1 di Piove di Sacco – Plesso Regina Margherita

Andrea Frulli Aniocheno della classe I G dell’Istituto Comprensivo di Rubano – Plesso Michelangelo Buonarroti

MENZIONI SPECIALI

Daniela Egorou della classe III F dell’Istituto Comprensivo Statale di Ponte San Nicolò – Plesso Andrea Doria, ha ricevuto una menzione speciale per la pertinenza al tema

classe II B dell’Istituto Comprensivo Statale di Ponte San Nicolò – Plesso Andrea Doria, ha ricevuto una menzione speciale per la rielaborazione personale del tema

classe III C dell’Istituto Comprensivo Statale di Rubano intitolato “Oltre i confini: antologia”, ha ricevuto una menzione speciale per l’approfondimento e la strutturazione del lavoro

classe II G dell’Istituto Comprensivo Statale di Rubano – Plesso Michelangelo Buonarroti, ha ricevuto una menzione speciale per la combinazione di tecniche utilizzate

Complimenti a tutti i ragazzi, gli insegnanti e i dirigenti scolastici che hanno partecipato all’iniziativa con entusiasmo e interesse.

Ultimo appuntamento con la Rassegna Oltre i confini nel Comune di Montegrotto Terme dall’1 al 15 ottobre 2017.

 

IMG_0256IMG_0257IMG_0259

IMG_0254

IMG_0251

IMG_0248

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

leggi altro...
Qui PadovaCONCORSO OLTRE I CONFINI: I VINCITORI

PORTABICI: BYCICLE FOR THE PEOPLE

by Qui Padova on 7 aprile 2017

LogoPortaBiciLa bicicletta, mezzo di trasporto ecologico ed economico per eccellenza, può essere veicolo per la socializzazione, l’inclusione e la condivisione di buone pratiche.
Una bicicletta può aprire porte che possano aiutare a superare le diffidenze e il senso di impotenza generati da una società che cambia in un modello di sviluppo economico in forte crisi. Attorno ad essa e alla sua cura si possono costruire momenti di socialità e aggregazione capaci di superare le divisioni e costruire comunità.

Da questi presupposti nasce il progetto PortaBici, che si pone come obiettivo quello di costruire azioni e organizzare attività capaci di stimolare la reciproca conoscenza e la cooperazione tra situazioni di marginalità e il resto della comunità, attraverso occasioni di integrazione sociale e promozione di stili di vita eco-sostenibili.

Tra le prime azioni del progetto ci sarà una raccolta di biciclette usate o rotte, che verranno sistemate e messe a disposizione di chi non se le può permettere: se hai una una bicicletta inutilizzata, con un piccolo gesto puoi fare la tua parte e metterla a disposizione.

Le biciclette saranno aggiustate dai laboratori organizzati da ReFuture e La Mente Comune, in collaborazione con Città SoLaRe, Il Sestante e Populus.

Il primo corso di ciclomeccanica per sistemare le bici è già programmato:

  • 16 maggio
  • 23 maggio
  • 30 maggio

(posti limitati, info e prenotazioni: cooperativarefuture@gmail.com).

Altra parte del progetto, la realizzazione di nuove targhette per le biciclette. La nuova edizione parlerà ancora di ciclabilità, ma si aprirà ai temi più generali della sostenibilità e dell’integrazione: le targhette diverranno così messaggi per una città sostenibile, accogliente e ciclabile.

Chi desiderasse donare una bicicletta o partecipare alla raccolta di idee sui nuovi disegni o non esiti a scriverci a portabici@legambientepadova.it.

PB_loc_raccolta_web

leggi altro...
Qui PadovaPORTABICI: BYCICLE FOR THE PEOPLE

L’ACCOGLIENZA DELLA COOPERATIVA CITTA’ SO.LA.RE. PRESENTATA A MONTECITORIO

by Qui Padova on 7 marzo 2017

Il docufilm Dove vanno le nuvole, che racconta quattro straordinari modelli di accoglienza e integrazione tra cui quello delle Case a Colori di Padova e Dolo, è stato proiettato lunedì 6 marzo a Montecitorio, presso l’Aula dei gruppi parlamentari

DoveVannoLeNuvoleE’ stata una giornata carica di significato e soddisfazioni per la cooperativa Città So.la.re. che da 14 anni si occupa di accoglienza a migranti, richiedenti asilo, rifugiati e persone in disagio abitativo: il docufilm Dove vanno le nuvole, che racconta anche questo modello della cooperativa padovana, è stato proiettato ieri a Montecitorio alla presenza di parlamentari, giornalisti e personalità del mondo politico e sociale italiano, riscuotendo un enorme successo da parte del pubblico presente in sala.

Il docufilm del regista Massimo Ferrari, racconta quattro straordinari modelli di accoglienza e integrazione nell’emergenza migranti italiana. Un racconto di un viaggio, da Treviso a Riace, passando attraverso Bologna e Padova, tra le esperienze di chi ha avuto il coraggio di provare a trasformare la paura in opportunità e l’utopia in realtà.

Nel docufilm il modello padovano di accoglienza è quella delle Case a Colori della cooperativa Città So.la.re. che trasformano l’accoglienza in un servizio sostenibile e replicabile attraverso un modello di impresa sociale. Realizzano infatti un tipo di ospitalità ibrida che vede la condivisione di spazi tra turisti, ospiti in disagio abitativo inviati dai servizi sociali dei Comuni, richiedenti asilo e rifugiati.

Per noi tutto quello che viene raccontato nel docufilm è normalità: è normale che le persone aiutino il prossimo ed è quindi normale che i nostri ospiti richiedenti asilo aiutino i cittadini dei Comuni presso i quali sono accolti: devono partecipare al mantenimento e alla cura delle strutture nelle quali vivono e devono condividere attività ed esperienze con i cittadini italiani” ha detto Maurizio Trabuio, presidente della cooperativa Città So.la.re. spiegando così la “normalità”, che diventa purtroppo straordinarietà, del lavoro della cooperativa e delle Case a Colori.

Non bisogna fare degli immigrati degli assistiti passivi” ha dichiarato Padre Mussie Zerai, presente alla proiezione, “e grazie a queste quattro esperienze l’Italia ha dimostrato che può dare lezioni anche agli altri paesi europei”.

Al termine della proiezione si è tenuto un breve dibattito per analizzare le vicende raccontante nel docufilm. Moderati dal giornalista Rai Duilio Giammaria, sono intervenuti: Padre Mussie Zerai (sacerdote definito “l’angelo dei barconi” per il suo impegno nel salvataggio dei migranti nel Mediterraneo e già candidato al Premio Nobel per la pace 2015), il regista Massimo Ferrari, la produttrice Gaia Capurso, Antonio Silvio Calo’ (Professore di Storia e Filosofia di Treviso, protagonista di una delle storie), Maurizio Trabuio (imprenditore sociale – Casa a Colori di Padova – protagonista di una delle storie) e Abrham Fa (componente della Compagnia Cantieri Meticci di Bologna, protagonista di una delle storie)

Qui è visibile il trailer del docufilm >> 

Prodotto da Gaia Capurso per MaGa Production,  DOVE VANNO LE NUVOLE andrà in onda a maggio su Sky Arte HD (canali 120 e 400 di Sky).

 

CooperativaCittaSolareLo staff della Cooperativa Città So.la.re., la famiglia Calò e alcuni ospiti della cooperativa, di fronte a Palazzo Montecitorio

Dibattito

Il dibattito seguito alla proiezione: da sinistra Maurizio Trabuio (Presidente Cooperativa Città So.la.re.), Antonio Silvio Calò (professore di storia e filosofia e protagonista di una delle storie), Massimo Ferrari (regista), Padre Mussie Zerai (sacerdote definito “l’angelo dei barconi” per il suo impegno nel salvataggio dei migranti nel Mediterraneo e già candidato al Premio Nobel per la pace 2015), Abrham Fa (componente della Compagnia Cantieri Meticci di Bologna, protagonista di una delle storie) e Maurizio Di Loreti (Direttore della Fotografia)

Assessori_SindacoCona_DellaZuannaPresenze importanti alla proiezione: da sinistra Carlotta Vazzoler (Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Dolo, Marta Burattin (Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Ponte San Nicolò), Michele Tibaldi (Consigliere del Comune di Montegrotto Terme), Alberto Panfilio (Sindaco di Cona), Stefania Donegà (Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Rubano), Gianpiero Dalla Zuanna (Senatore della Repubblica Italiana), Elisabetta Roetta (Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Montegrotto Terme) e Maurizio Trabuio (Presidente Cooperativa Città So.la.re.)

 

leggi altro...
Qui PadovaL’ACCOGLIENZA DELLA COOPERATIVA CITTA’ SO.LA.RE. PRESENTATA A MONTECITORIO

WORKSHOP “SOCIAL HOUSING: NUOVI MODI DI ABITARE”

by Qui Padova on 9 gennaio 2017

Il 12 e 13 gennaio e il 9 e 10 febbralocandinaio, Cooperativa Nuovo Villaggio, Fondazione La Casa e Idee in rete organizzano il workshop intitolato “Social housing: nuovi modi di abitare. Ripartire dal Social Housing per ripensare le nostre città” presso Casa a Colori a Dolo (VE).

Nelle prime due date, il workshop vede la partecipazione di interessanti relatori quali Gabriele Rabaiotti del Dipartimento di Architettura e Pianificazione del Politecnico di Milano, Docente di Urban Policy Design, Michele De Carli del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Padova, Esperto di energetica degli edifici, Laura Fregolent del Dipartimento di progettazione in ambienti complessi dello IUAV e Maurizio Trabuio, Responsabile delle politiche di Housing di Fondazione La Casa Onlus.

Nel secondo modulo, invece, i docenti saranno Graziana Tomaino, responsabile area sociale Programma Housing della Compagnia San Paolo di Torino e Giordana Ferri, Direttrice della Fondazione Housing Sociale.

Si approfondirà il social housing come risposta ad una nuova domanda abitativa di chi ha limitate capacità di reddito e per chi somma a questo anche altre fragilità, di natura più o meno temporanea, ma anche come occasione di riqualificazione edilizia e di rigenerazione urbana. Verranno presentate e analizzate best practice italiane e i lavori si concluderanno con un laboratorio di progettazione su un’esperienza locale guidato da Alessio Surian del Dipartimento di Filosofia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA) dell’Università di Padova.

 

leggi altro...
Qui PadovaWORKSHOP “SOCIAL HOUSING: NUOVI MODI DI ABITARE”

FOCSIV E ALBERTO TREVISAN A CASA A COLORI

by Qui Padova on 11 ottobre 2016

Dura una settimana il Programma di formazione generale per giovani volontari in Servizio Civile, organizzato da FOCSIV,  presso Casa a Colori Padova.

I 49 giovani iscritti frequenteranno sessioni di approfondimento e formazione sul significato dell’obiezione di coscienza, sul ruolo dei volontari, sulla cittadinanza globale, su migrazioni, integrazione e co-sviluppo e potranno anche ascoltare interessanti testimonianze di ex volontari in Servizio Civile.

Un programma denso di appuntamenti per i giovani volontari e soprattutto ricco di personalità di spessore tra i docenti, come Alberto Trevisan, uno dei primi e principali obiettori di coscienza nonviolenti in Italia. Alberto ha trascorso ben 18 mesi di carcere negli anni ’70 quando, a 19 anni, ha scelto di non svolgere il servizio di leva obbligatorio e quindi scontare in carcere militare la pena dovuta allora agli obiettori. Da quel momento Alberto ha lavorato e si è impegnato per lo sviluppo del Servizio Civile in Italia e contribuisce come docente ai vari corsi di formazione che si svolgono periodicamente.

La sua esperienza è raccontata nel libro “Ho spezzato il mio fucile“.

Di seguito il Presidente Maurizio Trabuio con Alberto Trevisan, Paola Mariani di Amici dei Popoli (socio FOCSIV) e le organizzatrici del corso.

La nonviolenza non è una pratica “ passiva “ ma assai “ attiva “ in particolare quando si è di fronte a scelte fondamentali e bisogna agire secondo coscienza.”
Alberto Trevisan

img_8601small img_8602small img_8604small img_8607small

leggi altro...
Qui PadovaFOCSIV E ALBERTO TREVISAN A CASA A COLORI

#HomelessZero: “nessuno deve vivere più per strada”

by Nuovo Villaggio on 29 giugno 2016

E’ iniziata la campagna di sensibilizzazione #HomelessZero  promossa dalla fio.PSD e patrocinata dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, con un testimonial d’eccezione: Richard Gere.

b487cbc4-4e41-4532-9b2f-f1ba2915c105

La fio.PSD – Federazione Italiana Organismi per le Persone Senza Dimora, è una associazione che persegue finalità di solidarietà sociale nell’ambito della grave emarginazione adulta e delle persone senza dimora. Ne fanno Enti e/o Organismi, appartenenti sia alla Pubblica amministrazione sia al privato sociale, che si occupano di grave emarginazione adulta e di persone senza dimora.

Anche la Cooperativa Sociale Nuovo Villaggio aderisce alla Federazione.

La campagna #HomelessZero promuove e sostiene politiche abitative che incidano sul primo elemento deprivativo della condizione di senza dimora: la casa.

Riconoscere il diritto alla casa significa riconoscere la casa come porta di accesso ai servizi, come luogo sicuro, confortevole e adeguato dal quale partire con un percorso di accompagnamento sociale professionale

L’obiettivo è richiamare il mondo politico, dell’associazionismo, del lavoro, della salute e sensibilizzare la società civile e l’opinione pubblica affinchè partecipi attivamente in una logica di welfare generativo in cui le persone senza dimora siano parte integrante.

A partire dal 7 giugno 2016 per un anno la campagna sarà protagonista di eventi e meeting e vivrà impegni e collaborazioni  in giro per l’Italia.

Prima tappa importante la serata inaugurale della 62° edizione del Taormina Film Fest: un’intera giornata vissuta all’insegna della solidarietà e delle emozioni, ma soprattutto della promozione di azioni concrete con Richard Gere. come testimonial d’eccezione.

 

leggi altro...
Nuovo Villaggio#HomelessZero: “nessuno deve vivere più per strada”

Festival dell’inclusione delle diversità attraverso l’arte per il sociale

by Qui Padova on 23 giugno 2016

Si è conclusa la prima fantastica due giorni di questa Edizione 0.
Molte persone curiose hanno partecipato per approfondire alcune importanti dimensioni dell’immensa cultura dell’Africa Subshariana, assaggiarne i suoi sapori, lavorare sulle proprie abilità interculturali e ascoltare i racconti di nuovi cittadini arrivati in Italia con sogni e intenzioni.
Anche gli ospiti dell’Ostello a Colori hanno preso parte al progetto.

Immagine

Scoprite di cosa si tratta su produzioni dal basso!

Forte Poerio 11/12 giugno 2016

Laboratori Venezia e l’Oriente

Il viaggio continua, è in arrivo un’ondata di laboratori, storie, racconti di persone in movimento
per creare ponti tra Venezia e l’Oriente, tra la terraferma e la laguna. L’amor di conoscenza è ciò che ci guida alla scoperta dell’affascinante cultura mediorientale nei prossimi appuntamenti della rassegna  #FORTinFEST

Per le iscrizioni ai laboratori è facile e non è richiesto alcun prerequisito basta seguire la procedura on line o presentarsi sul posto con adeguato preavviso:
http://www.fortinfest.org/aperte-le-iscrizioni-ai-laboratori/
Noi ci vediamo il 24 al Centro Darsena con il primo laboratorio di Teatro dell’Oppresso ore 11 – 13
http://www.fortinfest.org/laboratorio-teatro-delloppresso/
e poi al Palaplip questo sabato e domenica ore 10 -18 con Manonuda Teatro.
http://www.fortinfest.org/corpo-dascoltomanonuda-teatro/

 

unnamed

leggi altro...
Qui PadovaFestival dell’inclusione delle diversità attraverso l’arte per il sociale

Il turismo motore di sviluppo economico del territorio: e l’impatto sociale?

by Qui Padova on 1 aprile 2016

Mai tanti ospiti sono giunti in Veneto come nel 2015: 17 milioni 250mila 925 arrivi, un record. I dati del Dipartimento Turismo e dalla Sezione Sistema Statistico della Regione, in collaborazione con il Ciset evidenziano un bilancio positivo per l’annata turistica 2015 del Veneto.

È noto che l’indotto economico del turismo può essere significativo per una città, una regione o un intero Paese, ma ora all’industria turistica si chiede di più: valutare l’impatto sociale e migliorare lo sviluppo di un turismo sostenibile per garantire una competitività a lungo termine.

A tal proposito l’Unione Europea propone l’ETIS, European Tourism Indicator System, uno strumento strategico per monitorare, gestire, misurare e migliorare le performance di sostenibilità di tutte le destinazioni turistiche europee.

Il Sistema si compone di una serie di indicatori, di linee guida e un data set. L’attuale Sistema è costituito da 27 indicatori principali e da 40 indicatori opzionali.

Il principio di base sul quale si fonda il Sistema di indicatori è la condivisione della responsabilità, della titolarità e delle decisioni riguardanti una destinazione: un potente mezzo per condurre una gestione efficace delle destinazioni è affidare a un gruppo il compito di riunirsi e collaborare per raccogliere e comunicare informazioni.

leggi altro...
Qui PadovaIl turismo motore di sviluppo economico del territorio: e l’impatto sociale?